Blog

La migliore macchina per pasta 2019

Fettuccine, tortelli, ravioli, lasagne fatti in casa, chi non ama la pasta fresca?

Far la pasta in casa non è affatto complicato! C’è una soddisfazione unica nel dire “Questo l’ho fatto io. Per davvero. A partire dagli ingredienti essenziali: farina, uova, acqua”.

Se anche tu vuoi cominciare a fare la pasta fresca in casa ma non sai quale tipo di macchina scegliere, sei nel posto giusto. In questo articolo parleremo della macchina per la pasta, come è fatta, che differenza c’è tra la macchina per pasta elettrica e quella manuale, e come utilizzare entrambe per ottenere i migliori risultati possibili!

PRODOTTO Peso Dimensioni VALUTAZIONE VEDERE IL PRODOTTO
1,4 kg 20,3 x 20,3 x 17,8 cm VEDI PREZZI
3,8 kg 32 x 20 x 25,4 cm VEDI PREZZI
3,6 kg 22,9 x 16,5 x 31,8 cm VEDI PREZZI
7,5 kg 33,8 x 30,3 x 40,3 cm VEDI PREZZI
3,4 kg 20,4 x 18,3 x 15,7 cm VEDI PREZZI
2,9 kg 22,9 x 15,2 x 15,2 cm VEDI PREZZI
1,4 kg 23,5 x 14 x 10,5 cm VEDI PREZZI
8 kg 31,5 x 21,5 x 34,3 cm VEDI PREZZI
3,4 kg 16 x 18,5 x 20,5 cm VEDI PREZZI
0,998 kg 26 x 12,5 x 18 cm VEDI PREZZI

Cos’è e a cosa serve la macchina per fare la pasta?

La macchina per pasta è un attrezzo da cucina formato da diversi set di rulli che, pressando un impasto, lo stendono, e attraverso un sistema di lame e fori, lo trasformano in pasta della forma e dello spessore desiderato.

Con una macchina per pasta è possibile realizzare un sacco di ricette fantasiose, unendo all’impasto ingredienti nutrienti e colorati come i mirtilli, gli spinaci o il nero di seppia, o forme sfiziose, tra cui tagliolini, trofie, garganelli, gnocchetti, ma anche grandi classici, come spaghetti e tagliatelle.

Come per molti elettrodomestici e articoli da cucina, sul mercato sono disponibili diversi modelli, offerti da un numero di produttori diversi, ma la principale distinzione è tra due categorie

  • Macchina pasta manuale
  • Macchina pasta elettrica

Che differenza c’è tra la macchina per pasta manuale ed elettrica?

macchina per pastaLa principale differenza tra le due tipologie di macchina per fare la pasta sta nel fatto che la macchina elettrica, oltre a stendere e tagliare l’impasto, si occupa anche della sua produzione in modo autonomo. Se usi la macchina per la pasta manuale, invece, dovrai prima miscelare gli ingredienti e farne un impasto, e solo dopo potrai lavorarlo attraverso i rulli della macchina, stenderlo fino a raggiungere lo spessore che desideri e tagliarlo con l’apposito tagliapasta.

Per quanto riguarda i risultati, a parità di impasto, non ci sono differenze estreme tra la pasta fatta con la macchina a mano e quella elettrica.

La macchina manuale offre maggiore flessibilità nelle ricette e nei tempi di lavorazione, quella elettrica non richiede alcuna manualità, è più veloce e sporca assai meno.

Il principale fattore di scelta tra i due modelli sta dunque nel nella propria voglia e capacità di realizzare l’impasto.

Come si usa la macchina per fare la pasta manuale?

Per ottenere i migliori risultati con la macchina per la pasta manuale, basta seguire pochi piccoli accorgimenti.

Innanzitutto, una volta impastati gli ingredienti, bisogna lasciar riposare l’impasto a temperatura ambiente per 30 minuti, in modo che sia soffice e malleabile durante tutta la lavorazione. E’ molto importante poi assicurarsi di avere abbastanza spazio sul ripiano, in modo da poter appoggiare lunghi pezzi di pasta durante la lavorazione senza doverla piegare su se stessa.

Per evitare che la pasta si attacchi quando viene pressata e sovrapposta, basta sporcare un ripiano di semolino – attenzione ad usare semolino e non farina, affinché l’impasto non si attacchi alla macchina –  e passarci l’impasto velocemente sopra, stendendolo leggermente con le mani. E’ utile inoltre passare un velo di semolino anche attraverso i rulli, in modo che il passaggio dell’impasto sia facilitato.

Passare l’impasto da un lato all’altro della macchina senza danneggiarlo è semplice, ma richiede un po’ di pratica: con una mano si porge l’impasto verso i rulli, e si comincia a passarlo lentamente, poco alla volta, attraverso questi ultimi, girando la manovella con l’altra mano. Una volta che l’impasto è agganciato saldamente, si appoggia al retro della macchina e si comincia a tirarlo molto delicatamente dall’altra parte.

Perché sia steso alla perfezione, il pezzo di impasto deve fare diversi passaggi attraverso i rulli. Più sottile si vuole ottenere la pasta, più passaggi si faranno, riducendo man mano lo spazio vuoto tra le rotelle, e ricordando di passare l’impasto nel semolino ad ogni passaggio, ma di usarne poco per evitare che l’impasto si secchi troppo.

macchina per fare la pastaCiascuna macchina avrà diverse impostazioni per modificare lo spessore della pasta. Di solito ci sono tra i tre e i dieci livelli di spessore. Più i rulli si chiuderanno tra di loro, più sottile sarà la pasta. Per risultati eccellenti, è consigliato fare più passaggi con lo stesso spessore prima di passare a quello successivo, in modo da rilassare la pasta in modo graduale.

Una volta che si è raggiunto lo spessore desiderato, il pezzo di impasto sarà piuttosto lungo, e può essere tagliato a metà per essere maneggiato con maggiore facilità.

A questo punto si attacca alla macchina la tagliatrice, la si cosparge leggermente d’olio, e un pochettino di semolino, e le si fa passare l’impasto attraverso, nello stesso modo descritto precedentemente.

La pasta tagliata può essere appoggiata su un vassoio cosparso di semolino, e coperta nuovamente con un velo di semolino.

La pasta può essere consumata fresca, surgelata, oppure lasciata pendere con un pezzetto di legno, ed essiccata per due, tre giorni, prima di essere conservata in un barattolo di vetro o ceramica chiuso ermeticamente.

Come si usa la macchina per fare la pasta elettrica

Semplice da montare, usare e pulire, una macchina per la pasta elettrica, a differenza di quella manuale, fa davvero tutto da sola: miscela gli ingredienti, impasta l’impasto, lo stende e gli dà la forma desiderata. L’utente in questo caso deve solo impostarla, inserire gli ingredienti nella vaschetta, e attendere che la pasta sia pronta!

Ecco come usarla passo passo:

  1. Inserire lo stampo per la forma preferita – di solito ci sono linguine, spaghetti, lasagna e rigatoni, ma diversi modelli permettono di fare altre forme;
  2. Selezionare il programma adatto alla quantità di ingredienti e alla ricetta scelta;
  3. Inserire la farina nella macchina;
  4. Avviare il processo;
  5. Se il modello lo consente, aggiungere uova ed acqua a filo mentre l’impastatrice gira;
  6. Quando la pasta comincia ad uscire, attendere che raggiunga la lunghezza desiderata, e tagliarla con l’aiuto di una spatola;
  7. Una volta terminato l’impasto, ripetere il processo o spegnere la macchina;
  8. Smontare gli elementi estraibili (formine, braccio impastatore, vaschetta) e lavarli a mano con acqua e sapone per i piatti, o, se possibile, in lavastoviglie.